seguici

Siamo a Maggio, e manca meno di un mese alla fine della scuola. Per molti di noi questo vorrà dire vacanze sole e relax fino a settembre. Per altri esami, studio e stress a non finire!!!

Come possiamo fare a non esaurirci quest’ultimo mese? Come far fronte a 1000 interrogazioni finali?

Proviamo a darvi qualche consiglio:

  • Per non soffocare con troppe interrogazioni ravvicinate è necessaria un’ottima strategia di classe. Fatevi i turni per ogni materia tentando di unirvi il più possibile. I primi turni dateli a chi è bravo cosicché possiate imparare ascoltando le loro interrogazioni [ma non può essere così in tutte le materie!]. Insomma, non fate turni sbilanciati tra chi è troppo bravo e chi fa fatica.
  • Cercate di sfruttare le assemblee di classe per fare i turni e parlare coi prof.b_400_0_16777215_00_images_paura-orali.jpg
  • Tentate di far dialogare i professori fra loro. È una cosa che non gli piace fare ma 3 compiti in una giornata dovrebbe essere proibito!
  • Studiate il giusto e regolarmente: “fare una chiusa” il giorno prima dell’interrogazione è un rischio alto. Basta una serata no e addio! In matematica, per esempio, fate pochi esercizi ma spesso, confrontatevi fra di voi e chiedete che il prof. vi spieghi i problemi che non capite.
  • Nelle interrogazioni rispondete subito alla domanda. Poi se c’è tempo dite quello che sapete in più. Non fate il contrario. Se non sapete la risposta certe volte è meglio un chiaro: ”Non lo so” invece di tentare di arrampicarsi sugli specchi: il prof. vi farà un’altra domanda senza passare il turno.
  • Se vi è possibile tentate di “gestire” voi le interrogazioni. In un’interrogazione di italiano, per esempio, fate sempre riferimento ad altre opere dello stesso autore o ad altri scrittori. Il prof. ne sarà colpito e probabilmente sarà curioso di sapere il perché. Se siete fortunati saranno due domande in una!
  • Se siete abituati a passare i compiti con qualche aiuto – cosa utile sul momento ma non nel lungo periodo – provate a valutare se fare questi ultimi compiti senza bigliettini. Vi farà rendere conto delle vostre carenze e nel caso di esami a luglio potrete essere consapevoli di quanto dovete recuperare e integrare. [Se vi beccano coi bigliettini all’esame c’è il rischio che ve lo annullino e non crediamo che valga la pena rischiare].
  • Fate i compiti insieme e ripete preferibilmente a voce alta con qualche vostro amico. Preferite che vi ascolti una persona capace di comprendere quello che dite: i vostri compagni sono l’ideale perché sapranno correggervi.

Per l’esame                                                     

  • In preparazione dell’esame di maturità leggetevi i tototemi d’italiano: qualcuno lo azzeccano sempre. Leggete i giornali e informatevi sugli argomenti più attuali. Difficile che quest’anno non ci sia qualcosa legato all’immigrazione o al terrorismo e pluralità religiosa. Occhio a non andare mai fuori tema!
  • Per chi non l’ha ancora fatto è ora che dedichi un po’ di tempo all’elaborazione della tesina per l’esame. Sconsigliamo di inserirvi troppe materie: è una moda che certe volte rende l’esposizione confusa. Scegliete sempre un argomento che vi piace molto: quando emergerà la vostra passione sono sempre punti in più. Non fate un lavoro enorme però. All’esame di maturità, infatti, inizierete esponendo il vostro argomento: serve a sciogliervi la lingua, a diventare più sicuri. L’importante è far una bella impressione alla commissione.
  • Occhio ai collegamenti con la vostra tesina: i prof. vi potrebbero fare delle domande che ritengono legate all’argomento che avete portato all’esame. Per loro si potrebbe trattare di una domanda a cui voi saprete sicuramente rispondere, ma è la classica situazione in cui possono mettervi in difficoltà. Fatevi aiutare dai vostri prof. chiedendogli dei consigli.
  • Se non ve li hanno fatti fare pretendete che vi facciano fare delle simulazioni d’esame. In quelle di italiano, per esempio, vi renderete conto su quale tipo di tema converrà puntare: saggio breve, tema di storia, attualità o analisi del testo. Esercitatevi sulla terza prova: sono domande da fare in poche righe. Bisogna esercitarsi nella sintesi.
  • Prima dell’esame di maturità insistete affinché vi diano copia del programma svolto: sarete sicuri di quello che dovrete studiare per le interrogazioni. Leggetelo attentamente soprattutto nel caso di materia con professore esterno.

Francesco Carta

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Se ti piace Teens, condividi questa pagina con i tuoi amici!!!

Si te gusta Teens, compartí este Link con tus amigos!!!

Se ve gosta de “Teens”, compartilhe com seus amigos esta página!!!

If you like Teens, share this page with your friends!

 

Abbonati a Teens!!!

teens.jpg

Clicca qui per abbonarti 

Siti amici

Visita il blog di Codamozza! storie di ragazzi e...
e non perdere il sito di CINADO  animatori,giovani e cinema!

Books

Leggi i racconti dei nostri lettori e... inviaci pure tu un tuo scritto se vuoi!
Clicca qui! book

chi è online

Abbiamo 29 visitatori e nessun utente online

login staff

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.