seguici

Divertimento, scherzi e maschere: il Carnevale è arrivato

Abbiamo parlato di Natale, di Capodanno, come non parlare della festa più divertente dell’anno?!?

Quest’anno il Carnevale va dal 12 febbraio (giovedì grasso) al 17 febbraio (martedì grasso) e, nonostante la crisi, non si rinuncerà certamente a festeggiare. Alcune scuole chiudono e si concedono una breve pausa, altre purtroppo no, ma non c’è dubbio che tutti festeggeranno alla grande!

Abbiamo preparato per voi una classifica dei carnevali italiani più belli. Siete interessati? Volete sapere e magari partecipare ai migliori carnevali? Eccovi la lista.

Si aggiudica il quarto posto il Carnevale di Putignano! Paese in provincia di Bari, Putignano è famosissimo per i suoi carri, tra i più belli d’Italia: sono pieni di satira e raffigurano personaggi politici e di attualità. È il carnevale più antico d’Europa e quello di più lunga durata. Inizia, infatti, già il 26 dicembre e si conclude il martedì grasso.b_400_0_16777215_00_images_carnevaleVenezia.jpg

Al terzo posto c’è il Carnevale di Ivrea, borgo piemontese che deve la sua fama  alla battaglia delle arance.  Questa particolare usanza risale al 1808 quando Napoleone decise di  unificare tutti i carnevali in un’unica festa. La battaglia ha luogo durante il pomeriggio della domenica, lunedì e martedì grasso e richiama moltissimi turisti. Ma occhio: c’è il pericolo di essere colpiti!

Il secondo posto va al Carnevale di Viareggio, cittadina sulla costa in provincia di Lucca. La sua festa è molto famosa in tutto il mondo e i festeggiamenti durano per tutto il mese di febbraio. Le origini risalgono al 1873 e da quell’anno, in occasione del carnevale, vengono organizzati molti eventi come il torneo mondiale di calcio “coppa carnevale” trasmesso anche in TV. Inoltre vengono costruiti tantissimi carri che sfilano tra le vie del paese. Si tratta di vere e proprie opere d’arte che raffigurano i più vari personaggi d’attualità: sono talmente belli che vengono riproposti anche d’estate per soddisfare i turisti!

Il primo posto non può non andare al Carnevale di Venezia! Ogni anno presenta programmi pieni di manifestazioni ed eventi. Questo Carnevale è molto famoso e bello non solo per lo sfondo suggestivo della città, ma anche per l’unicità delle maschere la cui tradizione si fonde con la storia stessa della città.

Dopo essere stato interrotto per 2 secoli, nel 1979 ha ripreso la tradizione, e subito è salito ai primi posti per la sua bellezza ed eleganza. I festeggiamenti iniziano il sabato prima del giovedì grasso e si concludono martedì grasso. Sono solo 11 giorni ma pieni di eventi e divertimento.

Ma l’Italia è piena di eventi, tradizioni e manifestazioni carnevalesche. Diamo a voi il compito di segnalarci altre città piene del divertimento e dell’allegria del nostro bellissimo Carnevale.

E voi parteciperete a uno di questi eventi? Raccontateci il vostro carnevale, e perché no, inviateci alcune vostre foto: le migliori verranno pubblicato nella nostra Pagina FB!

 

Marco D’Ercole

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Pace, dialogo e attenzione ai poveri: il papa nelle Filippine e in Sri Lanka

Sognare … sognare un’ avventura, una famiglia, la  realizzazione di  un progetto per il futuro dei figli.

Non dobbiamo  mai smettere  di sognare, perché nella famiglia dove si smette di sognare la vita si spegne, si deprime, ha detto il Papa.

Ad accoglierlo all’aeroporto lo aspettavano milioni di fedeli tra musiche, coreografie stupende e tanto affetto.  In Papa Francesco hanno trovato l’ amico dei poveri.

In Sri Lanka, da subito, il Papa ha voluto evidenziare i punti chiave del suo viaggio apostolico: la pace ed il dialogo fra le religioni.

Qui ha incontrato i rappresentanti delle varie religioni come i buddisti, gli indù, i musulmani e i cattolici cristiani e non, dicendo loro che la diversità non è una minaccia, ma una fonte di arricchimento. Le parole chiave  del suo discorso sono pace, riconciliazione, risanamento e rispetto reciproco.

Il dialogo è possibile ed efficace se ci comunichiamo in modo schietto e sincero le nostre rispettive convinzioni. L’unità è possibile, la pace e il bene comune sono il bene supremo e dobbiamo impegnare tutti gli uomini di buona volontà.

Un paese che ha vissuto la guerra civile fra due etnie per 35 anni;  una guerra manipolata, politica ed ora con la visita del Papa e il suo messaggio, si spera che possano ritrovare la strada del dialogo e della convivenza.

Dopo il grande calore dello Sri Lanka con musiche, elefanti e migliaia di persone strette lungo le strade, il Santo Padre riprende il volo per arrivare più lontano, dove lo aspettano da tanto: le Filippine.b_400_0_16777215_00_images_papa_filippine.JPG

Qui non mancano le lacrime, la commozione forte dei momenti trascorsi insieme alle autorità, agli ammalati, alla gente comune che gli racconta esperienze drammatiche di vita quotidiana nelle strade.

Con un fuori programma Papa Francesco si spinge nelle periferie, da dove tantissimi bambini gli avevano scritto;  sono tanti gli abbracci  al Santo Padre che non si tira mai indietro.

Ai fedeli  vittime del tifone Iolanda dice:  “Gesù si è fatto in tutto uguale a noi, per assomigliare a noi ha assunto su di Lui il dolore e il peccato di tutti. È capace di accompagnarci nei momenti più difficili e sa piangere con noi. Io posso solo starvi accanto e rimanere in silenzio con voi, perché non posso rispondere alle domande che ponete a Dio. Solo Lui è insieme a voi, legge il vostro cuore. Con Lui sulla Croce c’era anche sua Mamma, una figura che noi cerchiamo sempre quando abbiamo paura, quando abbiamo bisogno e, come fa quel bambino che si aggrappa alla tunica della mamma, noi diciamo Mamma. Dobbiamo essere sicuri che l’amore e la tenerezza di Gesù e di una madre non ci deludano mai e, come fratelli, camminiamo insieme.”

Non poteva non stupirci nel chiedere in coro gli auguri di buon compleanno al suo amico Cardinale Parolin che lo ha accompagnato fedelmente in questo viaggio apostolico. Un vero carisma contagioso solo a vederlo. Il Santo Padre decide di parlare ancora una volta chiaro e diretto e a tutti dice così: “ Mediante il peccato l’uomo ha distrutto la bellezza  della famiglia umana, il diavolo ci distrae con i miraggi di promesse effimere. Noi sprechiamo i doni ricevuti da Dio, ci ripieghiamo su noi stessi trascurando di rimanere come i bambini.

Dobbiamo guidare i nostri giovani aiutandoli e prendendoci cura di loro perché imparino a resistere alle difficoltà e alla corruzione. Siate tutti missionari e testimoni nel mondo, nelle periferie per essere luce nelle ombre”.

Quante lacrime sono scese sui visi di tutti quando abbiamo ascoltato la voce dolce e rotta dalla commozione di quella bambina di strada che ci ha raccontato come viveva, dove dormiva, con cosa si copriva e lo sfruttamento sessuale e di lavoro al quale tantissimo bambini sono sottoposti.

Un abbraccio infinito poi al Santo Padre che teneramente ha abbracciato a lungo lei e un bambino nelle stesse condizioni.

Per non parlare della bellissima ragazza dolce e serena che ha letto la prima lettura con il sistema Brail davanti a milioni di persone.

Un viaggio tra i tifoni, gli atterraggi e i decolli fuori programma, l’arrivo del Papa col camioncino tipico delle Filippine, lacrime, gioia, canti e balli tipici …… il Santo Padre ci stupisce sempre perché lui sì che ama la vita e Dio e, certo, ci vuole vicino a lui, insieme nel nostro cammino.

Perché davvero non ci decidiamo a vivere così, a volere un mondo così sempre? Ce la possiamo fare insieme: credendoci e dandoci una mano come fratelli.

  

Vi lascio con un regalo speciale………un po’ di musica!

Samira Polizzano

 

 

 

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il "super congresso" dei Ragazzi per l'Unità

Ciao sono Samira, vi  auguro a tutti Buon Anno!!!!!!!!!!!!

Sono una “Ragazza per l’Unità”, sono appena tornata da un super congresso dove noi ragazzi di tutta Italia e alcune rappresentanze di altri paesi, abbiamo approfondito tematiche che caratterizzano soprattutto il mondo dei ragazzi.

In un workshop abbiamo visto e parlato della nostra dipendenza dai cellulari che ci spingono sempre di più a non accorgerci di quello che accade  intorno a noi, perché magari siamo troppo presi a pubblicare le nostre foto o ad  aspettare un “mi piace” che potrebbe sembrare l’ unica cosa che ci rende felici.b_400_0_16777215_00_images_cellulari.jpg

Ci siamo divisi per REGIONI e abbiamo raccolto un po’ di idee per far arrivare la nostra il nostro obiettivo di mondo unito nelle nostre comunità con azioni concrete.

Noi ragazzi ci siamo uniti e abbiamo parlato dei problemi che ci sono nelle varie città; è stato bello riconoscere che tutti ci accumunano: il bullismo, il cyber-bullismo, le dipendenze da slot-machine, dall’ alcool e  dalle droghe.

È  stato molto costruttivo  il confronto tra noi ragazzi … ma dobbiamo diventare tanti …. Ci state??

Colgo l’ occasione per augurare Buon Compleanno a TEENS!!!!!!!!

 

SAMIRA

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Capodanno: Cosa fare?

b_400_0_16777215_00_images_capodanno.jpgCi eravamo lasciati con i consigli per passare un bel Natale e speriamo che lo sia stato! Neache il tempo di digerire le abbuffate natalizie che già si pensa a Capodanno! Ed eccoci qui con gli immancabili consigli di Teens!

Ecco la Regola fondamentale: per passare una serata indimenticabile l’importante non è ciò che fate o dove andate,  ma scegliere le persone giuste con cui passarla!

Volete trascorrere una bella nottata con la famiglia? O con il vostro amore? Oppure divertendovi con gli amici? Ci sono tanti modi per passare questa magica serata ed è per questo che vogliamo consigliarvi più possibilità per un bellissimo 31 dicembre!

Leggi tutto...

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Natale in viaggio: i consigli di Teens

b_400_0_16777215_00_images_mercatino-di-natale-a-bolzano.pngLuci, alberi, presepi, addobbi …  ormai siamo a Natale! Di sicuro molti di voi già avranno pensato dove passare le vacanze: magari a casa, o dai parenti. Ma mettiamo che ancora non sapete dove andare, o siete indecisi. Ecco questo è l’articolo giusto per voi perché troverete tantissimi suggerimenti per passare una vacanza stupenda!

Cominciano a dire che ci possono essere vari tipi di vacanze. Se amate il clima invernale e la tipica aria natalizia che caratterizza il nostro Natale non ci sono dubbi: andate in Trentino Alto Adige. Magari potete concedervi una vacanza sciistica, oppure semplicemente passeggiare per Bolzano e Trento tra i tanti e famosissimi mercatini che caratterizzano queste due città. Cosa vedrete? Tanta oggettistica artigianale, spezie, dolci, giochi in legno, prodotti locali, il tutto mentre ascoltate della bellissima e incantevole musica natalizia. Cosa c’è di meglio?

Leggi tutto...

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Verso la riforma: vorrei una scuola che...

Vi proponiamo in esclusiva un articolo della nostra Chiara pubblicato sul numero 6 di Teens!

Per scoprire tutti gli articoli del nuovo numero Abbonati a Teens: un anno a soli 8 euro!  ---->  Clicca qui

b_400_0_16777215_00_images_La_scuola_che_vorrei.jpg

 

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Buona scuola. La voce ai parlamentari

 

 

logo.jpg

Si è tenuto martedì 14 Ottobre, a via Poli 19, nell’Aula delle colonne, una delle sedi della Camera, un dibattito parlamentare sulla “Buona Scuola”, per conoscere, attraverso la voce autorevole di deputati di diversi partiti, tutti ex insegnanti, questa importante riforma ed esempi di istruzione valida.

Ma di cosa tratta questo piano? In breve consisterebbe nell’assunzione di 150 mila docenti, chiudendo le graduatorie ad esaurimento, quindi si diventerà insegnanti di ruolo solo tramite concorso; nella velocizzazione del sistema scolastico italiano, eliminando la burocrazia, e creando nuovi servizi digitali per aumentare la trasparenza e diminuire le spese, senza, però, sminuire la didattica. Speriamo che si possa realizzare tutto ciò! E su tutto questo è nato un sano dibattito. L’incontro è iniziato con degli esempi di “Buona Scuola” nelle varie città d’Italia.

Si è cominciato da Trento, dove, dalle scuole elementari, è partito un progetto per educare alla pace, curato dai più piccoli, coinvolgendo tutta la città; poi è stato mostrato un esempio di educazione all’accoglienza, voluto dal Movimento dei Focolari, in un centro di accoglienza per immigrati in Sicilia, dove giovani volontari si davano da fare per aiutare queste persone che avevano lasciato dietro le spalle la loro “vecchia” vita per ricominciare, affidandosi al mare. Dopo questi esempi, è iniziato il dibattito tra gli onorevoli lì presenti, i quali, pur avendo idee diverse, concordano sul dover modernizzare la scuola, eliminare la burocrazia e gli sprechi, mostrando maggiori attenzioni sullo sviluppo dello studente. Si è parlato anche di integrazione nelle classi e di lotta al bullismo, argomenti basilari per un’Italia accogliente e giusta.

Purtroppo non c’è stato tempo per le domande da parte degli ascoltatori, ma sono certo che da quell’incontro, in ognuno dei presenti, sia cambiato qualcosa, sia nata la convinzione che una “Buona Scuola” è possibile.

 

Fabio Sappino

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Like a virgin: il nuovo singolo di suor Cristina fa discutere

È Sister Cristina la cantante più cliccata nelle ultime 24 ore sui social network con la nuova cover di “Like a Virgin ”. È stata un’artista insolita anche per The Voice of Italy 2014, il programma che l’ha lanciata e di cui è stata la vincitrice.

Una scelta coraggiosa la sua: non capita tutti i giorni di vedere una suora in un talent!

Ma le sorprese evidentemente non erano finite qui. Ha continuato a lasciarci a bocca aperta, scegliendo come brano di apertura del suo disco la cover di Like A Virgin, noto e provocatorio brano di Madonna.

b_400_0_16777215_00_images_album_suor_Cristina.png

Tantissime sono state le critiche, specialmente perché il video girato a Venezia riprende esattamente la location della cantante americana (e un pizzico italiana!).

«Cosa vuole dimostrare?»,«Chi pensa di prendere in giro?», ho letto in vari post su Facebook.

 

Suor Cristina durante un’intervista ad Avvenire ha affermato«L’ho scelta io. Senza nessuna volontà di provocare o di scandalizzare. Leggendo il testo, senza farsi influenzare dai precedenti, si scopre che è una canzone sulla capacità dell’amore di fare nuove le persone. Di riscattarle dal loro passato. Ed è così che io ho voluto interpretarla».

Le risposte non si sono fatte attendere: dalle derisioni di alcuni non credenti allo scandalo di altri cristiani.

Suor Cristina in ogni caso non smette di far parlare di sé e di questo brano che è l’argomento di discussione del momento. Tutti più o meno siamo andati a vedere il video e a leggere il testo (o, per chi come me è una frana in inglese, direttamente la traduzione!).

«Sei così bello e sei mio.

Mi fai diventare forte, si mi fai diventare un bolide.

Oh il tuo amore ha sciolto

Si, il tuo amore ha sciolto

Ciò che era bloccato e freddo», dice la canzone in traduzione.

Provocazione? O desiderio di dare alle cose un volto nuovo?

Ingenuità? O voglia di restituire un significato alle parole?

Questo è stato per me ascoltare Like a Virgin: una musica dolcissima, delle parole serene, che dirette a Dio o a chi si ama non hanno meno romanticismo della famosissima “A Te” di Jovanotti.

Siamo troppo abituati a parlare attraverso doppi sensi, a tal punto che a volte anche i gesti di chi ci circonda vengono osservati sempre come con la consapevolezza di un sottotesto da interpretare.

E ad essere criticata è una persona che ha semplicemente dato il significato reale che quelle parole esprimono?

Non mi stupisco allora dei poveri ragazzi che non ne possono più dei nostri NO che vogliono dire SI!

E voi? Che ne pensate?

LIKE A TEENS fate sentire la vostra!

 

Carlotta Raimondo

 

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

I nostri workshop a LoppianoLab

Visto l'enorme successo che ha riscosso il nostro Laboratorio di giornalismo per ragazzi a LoppianoLab, Città Nuova non poteva che scrivere un articolo su di noi!

Ve lo riportiamo, invitandovi, ancora una volta, a partecipare con noi a realizzare questo giornale, questo progetto, questo work in progress che si chiama Teens e che noi amiamo!

 

Loppiano veste teen-ager

 Fonte: Città Nuova

 E-book o cartaceo? La saga di Percy Jackson. Matita, mascara, eye-liner, quanto, come e soprattutto: perché. Un’intervista a Mika? Magari…

 

Sono solo alcune delle idee per i prossimi numeri di Teens, ma c’è anche altro. La nostra proposta per il progetto del governo italiano “La buona scuola”, le interviste ai registi Pupi Avati e Fernando Muraca, il ricordo di Roberto Mazzarella, uomo simbolo della lotta alla mafia, le dichiarazioni dell’onorevole Ascani, la parlamentare più giovane e soprattutto le due domande al premier, Matteo Renzi, nell’unica intervista concessa durante la tappa a Loppiano, lo scorso 4 ottobre.teens_loppiano.jpg

 

Di che si tratta? LoppianoLab non ha raccolto solo l’eccellenza della società civile italiana, le energie dei giovani e start-upper, ma anche le idee esplosive dei teen agers presenti nei 3 giorni di Loppiano e animatori, attraverso i collaboratori più assidui della redazione di Teens, di un laboratorio giornalistico che ha sparpagliato per la cittadella toscana decine di giovanissimi con la voglia di capirci di più.

 

Chi ha lavorato per il blog (http://blog.teens4unity.net/), chi ad amministrare la pagina Facebook programmando una serie di post (dal buongiorno alla buona notte, passando per frasi celebri), o stabilendo partnership con altre pagine affini secondo il criterio della rivista: Work in progress for Unity (“lavori in corso per l’unità”). C’è chi ha ideato un video spot promozionale e realizzato le riprese, e chi è entrato nel vivo del lavoro giornalistico: documentarsi sull’argomento, preparare domande, seguire i dibattiti in corso e intervistare i relatori. Il frutto di tutto questo lavoro vedrà la luce nei prossimi giorni e settimane sulla rivista cartacea, sul blog e sui social.

 

4 rappresentanti della redazione di Teens poi, hanno potuto intervistare il premier. La sosta a Loppiano è stata breve per Matteo Renzi, ma ha trovato il tempo per rispondere alle loro domande sulla scuola, sulla politica e sui giovani. Per le risposte… arrivederci su Teens!

 

Maria Chiara De Lorenzo

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

LoppianoLab: invito ufficiale!

b_400_0_16777215_00_images_testata-loppiano14-blog2-1.jpg

Carissimi lettori siete ufficialmente invitati a LoppianoLab 2014 che si terrà a Loppiano da oggi al 5 ottobre!

Domani in particolare non solo potrete incotrarci ma anche lavorare con noi come dei veri giornalisti. Dovete solo scegliere a quale workshop iscrivervi all'interno del Laboratorio di giornalismo per adolescenti: comunicazione, social, video e foto!

E i risultati del lavoro saranno pubblicati coi vostri nomi nel Blog e naturalmente su FB! 

Ma che aspettate? Veniteci a trovare e a conoscerci!

Se poi non riuscire a venire seguite il nostro #specialeLoppianoLab su FB!

 

Per info: http://loppianolab.blogspot.it/

La redazione 

Share this post - condividi questo post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Se ti piace Teens, condividi questa pagina con i tuoi amici!!!

Si te gusta Teens, compartí este Link con tus amigos!!!

Se ve gosta de “Teens”, compartilhe com seus amigos esta página!!!

If you like Teens, share this page with your friends!

 

Abbonati a Teens!!!

teens.jpg

Clicca qui per abbonarti 

Siti amici

Visita il blog di Codamozza! storie di ragazzi e...
e non perdere il sito di CINADO  animatori,giovani e cinema!

Books

Leggi i racconti dei nostri lettori e... inviaci pure tu un tuo scritto se vuoi!
Clicca qui! book

chi è online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online

login staff

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.